Le famiglie storiche di Catanzaro risalenti anche ad epoca normanna, di origine anche spagnola, francese, napoletana ecc ecc

Albertini
E’ una nobile famiglia di origini venete che ebbe un grande ruolo nel periodo in cui la città combatteva  contro il Centelles; tre dei suoi componenti furono sindaci tra il ‘500 e il ‘600. Si estinse nella famiglia Majorana.

Amore
Il nome di questa famiglia è iscritto tra quello dei nobili dal 1663. Cola Maria Amorea è il dottore che le diede questo vantaggio e che divenne anche sindaco.

Anania
Famiglia originaria di Taverna che giunse a Catanzaro nel 1639. Tra i suoi componenti è da ricordare il ·filosofo Giovanni Antonio Anania.

Arcieri
La notizia più antica riguardante gli Arcieri risale al 1368. Salvo due bambini nascosti in una bisaccia, tutta la famiglia fu sterminata dal Centelles.

Bonelli
Antica famiglia estintasi a metà del ‘600. Le diede fama Mario Bonelli, colonnello dei veneziani apprezzato per il suo valore.

Carafa
Feudatari al tempo di Carlo I d’Angiò, sono un ramo collaterale dei Carafa di Napoli.

Cordova
Di origine spagnola, giunsero a Catanzaro nel XVI secolo dall’omonima città spagnola. Se ne allontanarono verso la fine del ‘600.

Cumis
Famiglia fedele ai francesi, giunse in città nel XIII secolo; furono alleati del Centelles nelle sue rivolte quattrocemtesche; uno dei componenti della famiglia tentò di con segnare la città ai francesi che l’assediavano nel 1528.

Famareda
Di origine spagnola, sicuramente presente in città nel XVI secolo; molti suoi componenti furono capitani e uomini d’arme. La famiglia si
è estinta.

Ferrari
Famiglia risalente all’epoca normanna ed avente radici, oltre che a Catanzaro, anche a Taverna. Annoverata tra i feudatari della regione, i suoi componenti si distinsero nel corso dei secoli anche in qualità di sindaci della città.

Gilivetti
Tra le famiglie nobili dal ‘600. Un Antonio Gilivetti fu sindaco dei nobili nel 1617 e un Lorenzo risulta decano della cattedrale nel 1625.

Giovino
Dinastia proveniente da Simeri; due dei suoi componenti furono sindaci dei nobili nel 1577 e
1597.

Gironda Veraldi
Di probabile origine normanna, giunsero a Catanzaro nel 1564 dalla vicina Squillace. Due dei suoi componenti furono sindaci dei nobili: Ignazio nel 1665, altro Ignazio nel 1752 e nel 1759. Tra i diversi rami di questa famiglia anche quello di Taverna.

Grimaldi
Originari di Genova, giunsero a Catanzaro nel 1300; a questa casata appartennero numerose personalità legate alla storia della città.

Larussa
Prestigiosa famiglia, iscritta nel Sedile dei nobili fin dal 1639; ha dato alla città grandi personalità sia nel campo degli studi giuridici, che
nel campo della politica.

Majorana
Di origine provenzale arrivarono a Catanzaro da Maida; ebbero tra i loro componenti diverse personalità tra cui lo scrittore Ignazio Majorana
e vari sindaci.

Malpica
Famiglia nobiliare giunta in città a fine ‘700 e in seguito estintasi.

Marescano
Iscritta nel Sedile dei nobili nel 1639, proveniva da Zagarise.

Marineo
Famiglia tra le più antiche e nobili della città, di origine spagnola, vi giunse nel XVI secolo. Avellino Marincola fu uno dei più accaniti difensori di Catanzaro durante l’assedio francese; a metà ‘500 si fregiò dell’Ordine di Malta ed ebbe sempre ottimi rapporti con la corona. Carlo III fu addirittura ospite di un Marincola nel suo palazzo catanzarese. Si distinsero anche nella politica: furono patrioti e liberali; numerosi i sindaci.

Mele
Si hanno loro notizie fin dall’XI secolo e, secondo alcune fonti, il vescovo Roberto, in carica dal 1217 al 1233, sarebbe appartenuto a questa famiglia. Francesco Mele, sindaco per tre volte nel ‘500 e condottiero, è certamente il suo esponente più importante.

Palladini
Giunsero in Calabria dall’Aquila, ebbero alcuni sindaci tra i loro componenti.

Paparo
Di origine napoletana giunsero a Catanzaro nel XVI secolo. L’esponente più autorevole fu Gianfrancesco, giurista e autore di importanti opere nel XVII secolo.

Passarelli
Discendenti dall’omonima famiglia napoletana, uno dei suoi componenti, Nicola, fu protagonista di un delitto: nel 1722 uccise davanti al duomo don Gregorio Marincola con un colpo di pugnale.

Paula o de Paola
Giunti da Monteleone nel XV secolo, ebbero sindaci e vescovi tra i loro componenti. Nei tempi moderni il barone Luigi ha ideato il Museo delle carrozze e della civiltà contadina.

Perricciolo
Registrata nel 1639 alla chiusura del Sedile, un suo componente fu coinvolto nelle vicende politiche relative alla Repubblica partenopea. Ebbero sindaci e un Damiano teologo e predicatore.

Pistoia
Di origine toscana, giunse a Catanzaro nel XV secolo. I suoi membri furono sempre schierati con gli spagnoli.

Piterà
Prestigiosa famiglia che diede alla città ben dieci sindaci e possedette molti feudi tra i quali la zona a nord di Catanzaro, che ancora oggi porta il suo nome; le notizie più antiche risalgono alla fine del ‘400.

Poerio
Nobile famiglia, annovera tra i suoi componenti numerosi patrioti, politici e intellettuali; giunse con i normanni intorno al 1066.

Ricca
Di origine spagn ola, ebbe in d ono dal re Ferrante d ‘Aragona la terra di Isola Capo Rizzuto.

Rocca
Di antichissima origine, già nel 1212 esisteva un Rocca che possedeva un mulino sul fiume Simeri.

Rhodio
Provenienti da Squillace, il più noto dei suoi componenti fu il marchese Giovanni Battista, dottore in legge e seguace del cardinale Ruffo.

Sanseverino
Di origine normanna, giunse probabilmente a Catanzaro al seguito di Roberto il Guiscardo; di fede angioina, i suoi membri passarono però dalla parte degli spagnoli durante l’assedio francese.

Scoglio
Vissuta a Catanzaro alla fine del ‘500, espresse un sindaco e un Giovanni, scrittore, vissuto nel XVII secolo.

Serra
Famiglia nobiliare estintasi ai primi del ‘700.

Sinopoli
Antica famiglia, possedeva un p alazzo nella parrocchia di S. Maria delle Meridie; un suo esponente, Cesare, è considerato uno tra i più importanti ntellettuali d ‘inizio Novecento.

Susanna
Tra le più antiche e prestigiose famiglie della città, giunse da Crotone nel XV secolo. Il nome ha origini ebraiche.

Vajanella
Presente a Catanzaro dal ‘500, ebbe due sindaci.

Zaccone
Antica famiglia di fede spagnola, espresse un sindaco dei nobili.

Comments

comments